Pubblicato il Lascia un commento

TENDE PER CUCINA come scegliere?

tenda a rullo a vetro margherite su misura lavabile

Tende per cucina come scegliere? Si sa che una delle zone della casa più vissute è la zona giorno e in particolare l’ambiente cucina. La scelta delle tende puo’ essere fatta per rendere esteticamente piu’ bella la stanza, per filtrare bene sole e calore, per proteggere la privacy oppure per tutti i motivi elencati.

FILTRARE SOLE E CALORE

E’ una necessità che sorge piu’ o meno in base all’esposizione della stanza rispetto al sole, incide in modo importante la presenza o meno di tapparelle e persiane che possono, aldilà delle tende,  aiutare a diminuire nell’ambiente la presenza di sole e di calore soprattutto durante le stagioni più calde. 

PROTEZIONE DELLA PRIVACY

Si parla tanto di protezione della privacy e la prima che bisogna proteggere è quella vissuta in casa, protezione da occhi indiscreti in qualsiasi momento della giornata. Anche in questo caso molto cambia la posizione della casa o della stanza rispetto ad altre case, ad altre finestre , alle strade, alla città ecc…

Una tenda anche se trasparente riesce a schermare e proteggere la privacy di chi guarda da fuori verso l’interno della casa, ancora piu’ importante l’esigenza se gli infissi sono a giorno senza nessun tipo di copertura esterna.

TENDA COME ARREDAMENTO

Il tendaggio oltre ad avere un ruolo per la protezione della privacy e del sole è un complemento d’arredo, è come la ciliegina su una torta ricca e ben decorata. La tenda in cucina, già arredata da mobili suppellettili ed elettrodomestici,  serve a completare la stanza, ad arricchirla. Per questo la scelta non può essere casuale ma ben ponderata.

Ponderare la scelta della tenda è importante in qualsiasi ambiente di casa ancora di più in cucina essendo luogo vissuto. Ciò che bisogna quindi valutare in fase di scelta della tenda è:

  • Scelta di colori e fantasie
  • Scelta del tessuto
  • Scelta del modello
  • Praticità di movimento
  • Praticità di pulizia e lavaggio

 

PASSO 1 – SCELTA DEL MODELLO:

TENDE PER CUCINA COME SCEGLIERE

La scelta del modello di tenda va fatta in base al tipo di infisso (se finestra o porta finestra) in base allo stile dell’ambiente o al gusto personale.

 

Praticità di movimento

La scelta del modello ,aldilà della preferenza di gusto,  è correlata alla praticità di movimento della tenda. Se l’infisso della cucina, e in particolare se si tratta di una porta finestra,   è molto utilizzato è consigliabile la scelta di un modello di tenda che ci permette di aprire e/o accedere  verso l’esterno in modo veloce e pratico. Esempio una tenda a pacchetto su una porta finestra è molto bella ma estremamente scomoda perchè bisogna che si sollevi interamente per accedere verso fuori. Una tenda a pannelli è consigliata su un infisso scorrevole in quanto permette un movimento veloce e pratico per l’apertura della finestra e l’accesso verso l’esterno anche solo con lo spostamento di 1 solo pannello. Le tende a vetro per finestre a battente sono in assoluto le piu’ pratiche, ormai esistono soluzioni per rendere la tenda a vetro esteticamente bella e facile da montare anche senza effettuare fori sull’infisso (es. pacchetti e rulli a vetro, sistema q-vet).

Praticità di smontaggio

La cucina è una stanza soggetta a fumi e vapori per tale motivo potrebbe sorgere l’esigenza di pulire le tende piu’ volte all’anno. Partiamo da un punto fermo per la scelta della tenda.

Voglio lavare la tenda in lavatrice oppure preferisco una pulizia piu’ rapida e costante?

LAVARE LA TENDA IN LAVATRICE

Se preferisci smontare la tenda e lavarla in lavatrice cio’ che invitiamo a valutare è anche il tipo di smontaggio, che  non debba essere troppo complicato ma facile e veloce. Si sconsigliano ad esempio anelli passanti che obbligano lo smontaggio dell’interno bastone per la pulizia della tenda. Molti sistemi nel tempo sono stati modificati per facilitarne lo sgancio, le modalità quindi sono da valutare in fase di scelta.

PULIRE LA TENDA CON ASPIRAPOLVERE , SPUGNA E SAPONE

Se invece ritieni piu’ pratica la pulizia costante puoi optare per tende tecniche che non necessitano dello smontaggio ma della pulizia con aspirapolvere e in molti casi con spugna, acqua e sapone. Cio’ dipende dalla tipologia di tessuto tecnico, la composizione, la percentuale di pvc nella fibra. Esempio sono le tende a rullo con tessuti in pvc.

PASSO 2 – SCELTA DEL TESSUTO

Flat lay of monochromatic variety of textiles with copy space Free Photo

Praticità di lavaggio

Torniamo al capitolo praticità di lavaggio perchè se hai scelto il modello di tenda e devi scegliere il tessuto ciò che è importante valutare è il sistema di lavaggio. E’ importante che ci siano delle indicazioni chiare e precise sulle modalità di lavaggio, asciugatura e stiratura e su eventuali restringimenti indicati solitamente in percentuale.

Composizione del tessuto

Il mercato offre oramai varie composizioni tra fibre naturali e sintetiche. La fibra naturale dà un valore aggiunto alla tenda, la percentuale sintetica protegge la fibra da variazioni da lavaggio, da usura a contatto con il sole e ingiallimento. Per i piu’ pratici i tessuti consigliati che per eccellenza sono veloci da lavare e in molti casi non necessitano di stiratura  sono quelli sintetici che hanno un resa molto simile ai tessuti naturali senza le problematiche di manutenzione che ne derivano soprattutto in caso di tessuti 100% naturali.

Grado di filtraggio

Come accennato in precedenza l’esigenza di filtraggio di luce e calore e la protezione della privacy possono aiutare nella scelta del tessuto. Tessuto piu’ pesante e compatto filtra e protegge la privacy maggiormente rispetto ad un tessuto piu’ leggero. Nelle caratteristiche del tessuto spesso è specificato sia il peso al metro quadro che la percentuale di luce che passa con l’utilizzo dello stesso.

Colori e disegni

La scelta del colore è importante, nella cucina luogo vissuto per il 80% del nostro tempo a casa è consigliabile la scelta di colori che non stanchino ma che rendano l’ambiente sempre bello e confortevole. E’ possibile optare anche per qualche disegno che possa essere piu’ o meno astratto o che richiami l’ambiente (esempio tazzine, posate, fiori, ecc..).

 

Come accennato in precedenza la cucina è un ambiente molto vissuto per questo motivo la scelta della tenda deve essere fatta con criterio, valutando insieme alla scelta soggettiva soluzioni che possono rendere il nostro tendaggio pratico oltre che bello.  Se vuoi un cosiglio, un aiuto nella scelta e nello sviluppo delle misure non esitare a contattare il nostro servizio di ASSISTENZA

 

 

Pubblicato il Lascia un commento

TENDE A SCOMPARSA NEL CARTONGESSO – la guida completa

La tendenza degli ultimi anni è quella di montare a scomparsa tutto ciò che si può nascondere.

In particolare, le tende, le tapparelle, le zanzariere e tutto ciò che potrebbe coprire la nostra finestra.

Se state radicalmente ristrutturando casa, e siete ancora in tempo per modificare il controsoffitto, per far scendere la vostra tenda direttamente dal soffitto, potrete ancora inserire una nicchia grazie all’aiuto del vostro muratore o cartongessista.

In alternativa abbiamo delle soluzioni uniche che vi mostreremo più avanti, nel corso di questa guida.

Quando si vuole incassare una tenda è bene tenere in considerazione molti fattori, in base alla tenda che si acquista:

-Lo spazio della nicchia
-La presenza o meno della maniglia sull’infisso
-L’ingombro della tenda

La prima cosa da fare è  misurare l’infisso: misurate larghezza e altezza in diversi punti della finestra per verificare che non ci siano difformità. Se presente la maniglia, misuratene la sporgenza. A questo punto dovrete sottrarre alla profondità totale della nicchia, la sporgenza della maniglia e come risultato avrete la misura netta che vi resta per inserire la vostra tenda.

E’ arrivato il momento di scegliere la tenda che si vuole acquistare:

  1. Tenda tradizionale
  2. Tenda a onde
  3. Tenda a rullo
  4. Tenda a pacchetto
  5. Tenda a pannelli

Vi guideremo nel capire che ingombri portano queste tipologie di tenda su una finestra media di 200 cm.

1. TENDA ARRICCIATA

l’ingombro dipende molto da quanto è ricca la vostra tenda: più tessuto volete aggiungere, più la vostra tenda sarà profonda. Un altro elemento da tenere in considerazione è il tipo di arricciatura che scegliete.
Con una classica tenda arricciata con un rapporto 1:2 (200 cm il binario e 400 cm di tessuto), l’ingombro è circa 1 centimetro. A questo bisogna aggiungere la profondità del binario. I binari più slim vanno da 1 a 2 cm. Questa tipologia di tenda è una di quelle meno ingombranti.

2. TENDA A ONDE

al contrario, prende più spazio: per dare la forma ondulata alla vostra tenda avrete bisogno di 12 (per le tende a onda da 6 cm) o 16 cm(per le tende a onda da 8 cm): la misura dipende dal tipo di onda che scegliete; se piccola e continua o un po’ più profonda

Se inoltre c’è anche la maniglia, ricordatevi che la vostra nicchia non dovrà essere meno di 20/25 cm.

3. TENDA A RULLO

l’ingombro della tenda dipenderà dal diametro del rullo raccolto e la sporgenza del supporto:

Vi portiamo ad esempio le meccaniche dei rulli che trovate all’interno del nostro negozio: dentro il quale avrete la possibilità di scegliere tra 2 tipi di meccaniche:

da 32 mm:

Montato a soffitto avrà un ingombro di circa 5 cm, mentre montato a parete di 6 cm. In questo caso in presenza della maniglia se la misura è sotto i 4 m, vi basterà ordinare il rullo con avvolgimento contrario, e riuscirete a superarla senza sforzi. Nel caso in cui, invece la maniglia sia superiore ai 4 cm, dovrete montare il supporto a soffitto, allontanandovi dalla finestra tanto quanto basta per superare la maniglia. Nel caso della tenda a rullo il calcolo da fare per la nicchia sarà: sporgenza maniglia + ingombro rullo+ qualche centimetro per poter lavorare senza difficoltà

 

da 45 mm:

 

Montato a soffitto avrà un ingombro di circa 5,5 cm, mentre montato a parete di 7 cm. In questo caso in presenza della maniglia se la misura è sotto i 5,5 cm, vi basterà ordinare il rullo con avvolgimento contrario, e riuscirete a superarla senza sforzi. Nel caso in cui, invece la maniglia sia superiore ai 5,5 cm, dovrete montare il supporto a soffitto, allontanandovi dalla finestra tanto quanto basta per superare la maniglia. Nel caso della tenda a rullo il calcolo da fare per la nicchia sarà: sporgenza maniglia + ingombro rullo+ qualche centimetro per poter lavorare senza difficoltà

 

 

 

 

 

4. TENDA A PACCHETTO

In questo caso bisogna distinguere intanto se parliamo di una tenda a pacchetto semplice o steccata. nella maggior parte dei casi il pacchetto semplice tende ad ingombrare di più rispetto a quello steccato. Anche in questo caso ciò che determina l’ingombro è la quantità di tessuto: più è alto il pacchetto, più il tessuto tenderà ad ingombrare, e questo, in parte, inciderà anche nella creazione della nicchia. Se avete una tenda molto alta vi consigliamo di creare una nicchia da 18/20 cm. In ogni caso con il pacchetto bisogna analizzare situazione per situazione. Se avete intenzione di acquistare una tenda  a pacchetto e volete assistenza contattateci per maggiori info, oppure consultate la nostra guida.

5. TENDA A PANNELLI

Con la tenda a pannelli è tutto più semplice: per creare la nicchia della giusta dimensione dovrete sommare le sporgenze (maniglia, cassonetto,ecc) e l’ingombro del binario scelto. Ricordatevi sempre di lasciar qualche cm in più per poter lavorare meglio all’interno della nicchia.

Di seguito gli ingombri in cm dei nostri binari:

2 pannelli

3 pannelli

4 pannelli

5 pannelli

 

No esitate a contattarci per maggiori informazioni o leggete la guida sui pannelli.

 

INCASSARE LE TENDE SENZA LAVORI DI MURATURA

Se invece avete ristrutturato casa da poco  e non vi va di chiamare il muratore, spendere altri soldi, o semplicemente avere altri lavori in casa, vi proponiamo le nostre alternative:

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Questa semplicissima soluzione innovativa vi permetterà di incassare la vostra tenda anche senza interventi di muratura. Per maggiori informazioni contattateci:

-Via Whatsapp 328 924 2966

-Via email info@tendaggisumisura.com

Non avete problemi di nicchia né misure, perché il binario sarà inserito a scomparsa e sembrerà che la tenda scenda dal soffitto.

Per quanto riguarda invece tutti gli altri tipi di tenda (tenda a rullo, tenda a pacchetto e tenda a pannelli), vi suggeriamo di considerare delle altre soluzioni, altrettanto eleganti e pratiche che copriranno i meccanismi, e renderanno l’ambiente semplice e moderno. Stiamo parlando delle barre di copertura: potrete scegliere tra alluminio bianco e acciaio satinato.

binario-tende-a-pacchetto-copertura-alluminio binario tende a pannelli copertura alluminio bianca

 

 

 

 

 

 

 

Sarà semplicissimo in questo caso calcolare la profondità delle barre di copertura in base alla tipologia della tenda scelta.

In fase di acquisto, se sceglierete l’opzione con la barra di copertura, vi guideremo noi nella scelta dei prodotto.

CONCLUSIONI

Vi abbiamo mostrato quanti modi esistono fare una tenda a scomparsa o nasconderne le meccaniche. Seguiteci sui social per leggere altre guide come queste e per conoscere le promozioni in corso nel nostro negozio.

Pubblicato il Lascia un commento

RINNOVARE ARREDAMENTO spendendo poco

rinnovare arredamento spendendo poco

Al rientro dalle ferie, dopo il relax oppure dopo momenti difficili puo’ sorgere la voglia di ripartire e molto spesso anche voglia di cambiare. La nostra voglia di cambiamento spesso si riflette sulla casa e negli spazi che viviamo, che ci fanno sentire al sicuro, dove si ritrova la famiglia, dove si torna dopo una dura giornata di lavoro e dove si accolgono parenti e amici nei momenti da condividere.

ESIGENZA DI RINNOVO

E’ nella natura dell’uomo il desiderio di cambiamento e di rinnovo. Cambiare arredamento è un po’ come cambiare look a sé stessi per vedersi migliori e diversi dal solito; è come respirare un boccata d’aria fresca, è dare valore a quello che abbiamo. Cambiare aspetto all’ambiente circostante ci aiuta a:

  • Riorganizzare gli spazi
  • Buttare via quello che è superfluo o vecchio
  • Ci impegna in un progetto da condividere con i nostri cari
  • Rompe la routine
  • Dà una nuova vita a spazi, mobili e oggetti

SPENDERE POCO E SENZA STRESS

rinnovare arredamento spendendo poco

 

 

 

Rinnovare non deve essere  necessariamente un impegno gravoso né in termini economici né in termini organizzativi, piuttosto deve essere un momento di condivisione per ri-progettare insieme l’ambiente in tutti i suoi aspetti.

Ci sono tanti modi per poter cambiare volto alla casa senza spendere un capitale, senza cambiare arredamento in modo totale e oneroso e fare qualcosa di diverso che impegni noi stessi e la famiglia nel progettare, cercare e realizzare.

 

 

 

COMPLEMENTI D’ARREDO

MERCATINI DELL’USATO

Quello che non piace più a qualcuno  può tornare utile a te e quello di cui ti vuoi liberare potrebbe piacere a qualcunMercatino usato Livorno - DNC - il Blog altro.  Se pensiamo che i mercatini dell’usato siano luoghi polverosi dove si trova solo roba vecchia e senza valore non c’è nulla di più sbagliato. Ogni cosa può avere una nuova vita e un valore, se inserito in un contesto appropriato dove arricchisce l’arredamento.  Quel centro tavola che ha ormai stancato, in vendita a pochi euro potrebbe star benissimo sul vostro tavolo perché in tinta o perché dello stile con l’ambiente circostante; il mobiletto bianco e insulso in vendita al mercatino, ritinteggiato e con un vaso di fiori sopra potrà arredare quello spazio all’ingresso finora rimasto inutilizzato e risultare utile per contenere e organizzare oggetti e documenti. Girare per mercatini è un modo per impiegare i ritagli di tempo diversamente, per osservare e valutare quello che finora non ti era mai piaciuto ma che adesso è oggetto di interesse. 

RICICLO CREATIVO

Siamo in un epoca nella quale si riflette un po’ di più sulla salvaguardia dell’ambiente, ci sentiamo tutti più responsabili rispetto al passato nella tutela della natura, molte aziende sono diventate eco-sostenibili e noi nel nostro piccolo tentiamo di fare attenzione a non inquinare, a evitare (ove possibile) l’utilizzo di imballaggi non compostabili e di differenziare bene la spazzatura.

riciclo creativo
FONTE GREEN ME

Una moda che ultimamente ha trovato ragion d’essere è il riciclo creativo che ha diversi aspetti positivi

  • Impegna la mente
  • Stimola la creatività
  • Ci permette di riutilizzare vecchi oggetti
  • Ci permette di utilizzare vari materiali
  • Aiuta l’ambiente

Ma che cosa è il riciclo creativo? E’ l’arte del saper utilizzare vecchi oggetti o vari materiali per la realizzazione di suppellettili, arredo e complementi che possano avere un’ utilità o semplicemente arredare e arricchire gli ambienti  circostanti. Tutto può diventare un materiale di riciclo; persino il rotolo usato della carta igienica! Quello che riuscirà a dare valore ai materiali usati è indubbiamente la vostra creatività.

Un sito che contiene infinite idee circa l’arredamento e il riciclo creativo è PINTEREST, date un occhiata e se non lo avete ancora fatto ne rimarrete attratti scoprendo quello che la nostra creatività è in grado di fare con poco.

UTILIZZO DEI COLORI

L’utilizzo dei colori nei complementi che arredano la casa è molto importante per dare vita agli spazi. In un ambiente prettamente classico l’utilizzo di complementi d’arredo nei colori che variano dall’oro al bronzo può arricchire e dare importanza ed eleganza. Dove l’arredamento è etnico il gioco con i colori della terra che variano dal beige al tortora completano e diventano un tutt’uno con l’arredo.

SCELTA DI TENDE E TAPPETI

Per quanto possa sembrare banale la tenda non ha solo scopo di filtraggio da sole e calore ma arreda la stanza. Non è necessario optare per tende importanti di seta e tappeti di lana; è piuttosto importante scegliere la tipologia e i colori giusti. Una tenda bianca leggera nel contesto giusto riesce a dare luce, arredare e proteggere la privacy. Una tenda semplice ma colorata coordinata ad un cuscino o un complemento d’arredo spezza la monotonia dell’ambiente minimal. Leggi Come scegliere le tende

Le tende disegnate posso arredare come un quadro, basta inserirle in un ambiente semplice affinchè non si crei confusione nei nelle forme e nei colori. Puoi valutare l’utilizzo di coupon (periodicamente disponibili) per l’acquisto a prezzi ridotti oppure la scelta in OUTLET che ti permette di acquistare tenda e binario  con sconti importanti anche fino al 70%.

CAMBIARE GLI SPAZI E L’ARREDAMENTO

A volte basta veramente poco per cambiare volto ad un ambiente o ad una stanza, non è detto che per rinnovare casa sia necessario buttare via i mobili e comprarne di nuovi; così come non è sempre necessario smantellare e spendere soldi tra muratori e imbianchini. 

MOBILI

Fonte: Pinterest

E’ facile buttar via tutto e rifare l’arredamento da cima a fondo partendo dai mobili, la “difficoltà” sta nel rendere diverso l’ambiente senza cambiare mobilio. Potremmo utilizzare quello che abbiamo lasciandolo invariato e arricchendo la stanza in altro modo (cambiare i colori, aggiungere oggetti e complementi d’arredo); anche l’arredamento più vecchio può acquisire un nuovo aspetto con l’aggiunta di complementi alla stanza.

 

Altra opzione potrebbe essere quella di dare un nuovo colore ai mobili: le ante bianche possono diventare fucsia, il noce può diventare argento, si possono cambiare pomelli e maniglie, utilizzare adesivi che coprano intere superfici. Essenziale è l’utilizzo di prodotti adeguati.

 

SPAZIO 

Una delle primissime cose che cambiano l’aspetto di una stanza è la diversa sistemazione dell’arredamento: spostare mobili cambia lo spazio e rende l’ambiente diverso, quasi a sembrare nuovo!

CAMBIARE I COLORI

Cambiare il colore a una parete cambia l’aspetto della stanza. Puoi scegliere tra un infinità di tonalità, effetti, sfumature, colori metallici, opachi, glitterati. La scelta può variare dal gusto personale, alle mode del momento, fino alla cromoterapia che prevede la scelta di colori adeguati in base al tipo di ambiente che dovranno “colorare” e rendere l’ambiente confortevole pe chi ci vive.  

Con l’utilizzo di smalti e resine specifiche è possibile adesso cambiare anche il colore di pavimenti e piastrelle in bagno e cucina così da rendere l’ambiente totalmente diverso senza ristrutturazione.

PICCOLI ANGOLI DI CASA

Poltrona da lettura: come scegliere quella giustaSpesso si sente l’esigenza di creare degli “angoli” a casa dedicati a qualcosa in particolare. Potrebbe essere un angolo relax, o un angolo lettura, un angolo trucco, oppure un angolo caffè, insomma uno spazio più o meno grande che ci riserviamo e che contiene quello che più ci piace. L’angolo lettura avrà una poltrona, una lampada e tanti libri, l’angolo trucco una consolle con la luce adeguata per truccarsi e e spazi dedicati al make up, l’angolo foto uno spazio riservato ai ricordi.

In un era incentrata sulla tecnologia è bello realizzare uno spazio da noi ideato, che esprime una parte di noi stessi. Lì potremo trascorrere parte della nostra giornata, isolati dal mondo, dedicandoci alle nostre passioni e a ciò che ci piace.

NO ARREDAMENTO CONVENZIONALE

Evitiamo di arredare la casa con idee preconfezionate. Spesso ci facciamo incantare dalle combinazioni proposte3 steps on how to join Ikea's loyalty club for free this July 7 – July 11 dalle grandi catene, ambientazioni perfette sui cataloghi o presso i negozi, curate e studiate nei minimi dettagli che ci portano all’acquisto e il montaggio della stessa composizione nei nostri ambienti ma uguale a case di altri milioni di persone che si sono fatti convincere dalle stesse combinazioni di serie. (leggi anche Tende leroy merlin, bonprix e ikea …pro e contro!)

Meglio l’acquisto di singoli oggetti o mobili (anche se prodotti in serie), ma inseriti in contesti totalmente personalizzati.

 

Non c’è mai fine nel rinnovare arredamento a casa e a volte basta poco per dare un nuovo volto ad un ambiente: una foto, un vaso con dei fiori, un pò di colore. L’importante è che, ciò che noi scegliamo, ci raffiguri perché come citava Frank A. Parson “La casa non è che l’uomo esteriorizzato”.

Pubblicato il Lascia un commento

NATALE CON IL COVID19

 

Sembra quasi il nome di un cinepanettone, e magari un giorno lo gireranno e ci rideremo tutti su.

Ma al momento questo titolo descrive una triste situazione, che tutto il mondo sta affrontando: ci troviamo dentro un incubo che sembra non voler finire e ora che si avvicina sempre di più una delle feste più attese dell’anno, il Natale, il peso di questa situazione grava ancora di più sulle nostre vite.


C’è chi ha deciso di non decorare casa, perché non sente neanche un briciolo di spirito natalizio, chi invece già a metà novembre ha uscito l’albero impolverato dalla cantina, per farlo rivivere e dare un aspetto speranzoso alla casa, alla famiglia. Noi facciamo parte del secondo gruppo: aspettiamo tutto l’anno il natale, e quando arriva ci sentiamo come dentro il villaggio di babbo natale, dove i miracoli esistono e tutto può succedere. Ed è proprio questo lo spirito che vogliamo trasmettervi con questo articolo, perché in fondo, il natale è sempre il natale ?!

L’appartenenza ad una famiglia si percepisce, sia che ci si trovi intorno ad uno stesso tavolo, la sera della vigilia, sia che ci si trovi a migliaia di kilometri di distanza, perché la famiglia va oltre ogni barriera fisica; a Natale il ricongiungimento avviene anche con le persone che non ci sono più, coloro che vivono nei nostri cuori♥️ .

E’ per questo motivo che dobbiamo ritrovare dentro di noi quell’anima di bambino che ci ha accompagnato nei primi anni dell’infanzia e che con la crescita e le nuove consapevolezze da adulti abbiamo un pò abbandonato; soprattutto in in una situazione come quella che stiamo vivendo oggi, è importantissimo non perdere la speranza, la gioia, la voglia di godersi tutti i momenti della propria vita, sentendoci grati per tutte le cose, anche le più piccole, che a volte diamo per scontate. E allora decoriamo le nostre case, coloriamole di lucine, facciamo i biscotti di pan di zenzero e compriamo i regali!

E poi.. rendiamo partecipi le persone a noi più care, con una videochiamata o una foto su Whatsapp, facciamo recapitare loro il nostro pensierino tramite Email, se è un buono regalo, o direttamente a casa!

Questo ci aiuterà a superare un momento difficile e sentirci meno soli.

E mettiamo a disposizione dei più bisognosi ciò che abbiamo: il Natale è condivisione, e mai come in questo momento gli altri hanno bisogno del nostro aiuto! Godiamoci questo momento magico dell’anno, con la speranza che si porti via questo incubo e che ci regali quei momenti di normalità che tanto ci mancano…

BUON NATALE A TUTTI VOI…

 

Pubblicato il Lascia un commento

BONUS TENDE 2020 cosa sapere…

bonus tende 2020

Quando si parla di Bonus tende si intende la possibilità di recupero in modo parziale della spesa effettuata per l’acquisto di tende da interno, da esterno, tende da sole e pergole.

BONUS TENDE 2020 E LEGGE DI BILANCIO

La legge di bilancio 2020, come per gli anni precedenti, prevede una detrazione IRPEF del 50% sull’acquisto di tende e pergole. E’ bene fare una netta distinzione, sopratutto per le tende da interno, tra decorative e  tecniche per la protezione o schermatura solare.

Per tenda decorativa (che non rientra nel bonus) si intende una tenda in tessuto utilizzata solo a scopo d’arredamento ( tende arricciate, all’americana, tende a pannelli, tende a pacchetto ecc..); invece per tenda tecnica si intende una tenda che svolge la funzione di schermatura da sole e calore (tende a rullo, veneziane, verticali ecc..).  

REQUISITI PER USUFRUIRE DEL BONUS

Tipologie di tende

Ecco un elenco di tende per le quali è possibile , insieme agli altri requisiti, la richiesta dell’ecobonus.

 

TENDE DA ESTERNO

  • Tende da sole
  • Tende a rullo da esterno
  • Cappottine mobili
  • Pergole in tessuto e lamellare
  • Frangisole

TENDE DA INTERNO

  • Tende a rullo
  • Veneziane
  • Verticali
  • Plissè
  • Tende per lucernai
  • Tende per giardini d’inverno

ZANZARIERE

  • Che riescano a schermare anche il sole

Requisiti richiesti

  • La schermatura deve essere effettuata a protezione di una vetrata
  • La vetrata non deve essere esposta a nord
  • La schermatura puo’ essere all’esterno, all’interno o integrata alla vetrata
  • La schermatura deve essere mobile per permettere l’apertura e chiusura della stessa
  • La tenda deve essere provvista di documentazione che attesta la capacità di schermatura espresso in Gtot da 0 a 4
  • La tenda deve rispettare le leggi nazionali e locali in ambito di sicurezza ed efficienza energetica
  • Pagamento tramite bonifico parlante o bancario
  • Compilazione della scheda ENEA

CHI PUO’ USUFRUIRE DEL BONUS

 

  • titolare del diritto di proprietà sull’immobile;
  • nudo proprietario;
  • titolare di un diritto reale di godimento (ad esempio usufruttuario);
  • conduttore in caso di locazione
  • detentore dell’immobile in caso di comodato d’uso
  • Condominio qualora vengano eseguiti interventi sulle parti comuni dell’edificio
  • Imprese
  • associazioni tra professionisti
  • enti pubblici e privati che versano l’Ires
  • Istituti autonomi per le case popolari e gli enti aventi le medesime finalità
  • il soggetto che utilizza l’immobile per svolgervi l’attività professionale

DOCUMENTAZIONE NECESSARIA

  • Fattura 
  • Ricevuta di pagamento tramite bonifico
  • Certificazioni e documentazioni del prodotto
  • Ricevuta dell’avvenuta trasmissione all’ENEA

 

 

COME USUFRUIRE DEL BONUS 

Il pagamento dovrà essere effettuato tramite bonifico parlante o bancario e dovrà indicare la causale, il codice fiscale del beneficiario, numero e data della fattura e la dicitura “schermatura solare dinamica ai sensi del DL 311/2006 allegato M”

Una volta conclusi si interventi compilare la scheda descrittiva a ENEA dove saranno richiesti:

  • Dati anagrafici del beneficiario
  • Informazioni relative all’immobile oggetto di intervento
  • Tipologia di intervento

L’invio dovrà essere fatto entro e non oltre i 90 giorni dalla conclusione. Questo passaggio è obbligatorio. 

Presentare tutta la documentazione al CAF o al consulente che provvederà alla compilazione della dichiarazione dei redditi per un rimborso IRPEF del 50% della spesa effettuata che verrà recuperata in 10 anni.

 

PERCHE’ PROTEZIONE SOLARE

Il bonus incluso nella legge di bilancio, detto anche ecobonus, incentiva i consumatori a fare scelte ecosostenibili che contribuiscano in modo importante al miglioramento dell’efficienza energetica.

La scelta della schermatura solare è importante per la riduzione del calore dentro la stanza  e contribuisce al risparmio energetico poichè riduce l’ingresso dei raggi solari e permette un minore utilizzo di climatizzatori e dispositivi di raffreddamento.

Anche l’acquisto degli infissi è agevolato dalle detrazioni previste dalla legge di bilancio perchè contribuiscono allo stesso modo alla buona coibentazione della stanza.

 

 

Fonte:https://www.theitaliantimes.it/

 

Pubblicato il Lascia un commento

Tende leroy merlin, bonprix e ikea …pro e contro!

tende leroy merlin

Tende leroy merlin bonprix e ikea è veramente così conveniente l’acquisto? In questo articolo andremo a valutare la tenda per il suo reale valore e capire se effettivamente conviene o meno l’acquisto di questi prodotti industriali così da fare un acquisto piu’ consapevole. Puoi leggere anche COME SCEGLIERE LE TENDE per avere un aiuto sulla scelta di questo complemento d’arredo che oltre ad essere adatto alle esigenze, pratico nel movimento deve anche risultare adeguato all’ambiente che si va arredare. Continua a leggere Tende leroy merlin, bonprix e ikea …pro e contro!